Marina Café Noir | Festival di letterature applicate
184
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-184,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,transparent_content,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Siamo stati a Nord e abbiamo sognato l’Islanda, riflettuto sul tempo, ascoltato la natura attraverso i libri, passeggiato tra i paesi baltici e la provincia americana, ascoltato grande jazz come fossimo a una session in un locale parigino degli anni Cinquanta, guardato le scale della scuola Riva come fossimo in un film di Ejzenstejn, abbiamo visto intrecciarsi tradizione e modernità sino a rendersi indistinguibili.

Siamo stati nel cuore di Cagliari, tra due delle sue piazze più amate, incerti sino all’ultimo su come avrebbero reagito, le piazze e i loro abitanti, consapevoli delle difficoltà sempre maggiori che chi organizza in pubblico deve affrontare, consapevoli che mai nulla è dato per scontato, e ripagati ancora una volta dalla grande umanità ed energia che questa città è capace di mettere in circolo.
Abbiamo rincontrato vecchi amici, scoperto di nuovi, visto filippini applaudire dai balconi e anziane cinesi sedute sulle spiaggine a godere il fresco, ragazzi del Gambia (“davvero in Gambia”, è stata l’irresistibile battuta) dedicarsi anima e cuore alla logistica della piazza e ragazze dell’Europa dell’Est in servizio civile internazionale dare da mangiare a ciurme di volontari e collaboratori. Abbiamo visto che non è mai mancata la voglia di guardarsi negli occhi, di affrontare le situazioni antipatiche, di abbracciarsi commossi quando le (lunghe) giornate volgevano a termine. Abbiamo visto che non tutto è perduto, per quanto ci riguarda.

E poi abbiamo visto voi, che eravate tanti, in alcuni momenti tantissimi, e sembravate divertiti, interessati, in alcuni casi addirittura commossi, e sembrava che ci assomigliaste, o che noi assomigliassimo a voi, che è un po’ la stessa cosa, perché un progetto come il nostro si può fare senza tante cose, si può fare persino con poche risorse come facciamo da sempre, ma non si può fare senza di voi.

PER QUESTO GRAZIE DI CUORE E ATRUS ANNUS

MCN 2018 – XVI edizione

A sud di nessun nord

Un Festival lungo cinque mesi, un ritorno nei luoghi e nei tempi in cui tutto è cominciato, con uno sguardo sempre ancorato al presente e proiettato nel futuro. La sedicesima edizione del Marina Cafè Noir è un ricco calendario di anteprime che si apre ai primi di febbraio, con molte tappe nel quartiere Marina che al Festival ha dato radici e identità…

Campagna crowdfunding

Sostieni il Festival

Abbiamo avviato una campagna di crowdfunding rivolta ai numerosi spettatori, amici e sostenitori che permetta di garantire in tutti i modi la realizzazione di un Festival dagli alti standard, sia etici che qualitativi, e di conseguenza dagli alti costi. Ringraziamo anticipatamente tutti coloro che potranno e vorranno sostenerci, e vi invitiamo a dare il vostro contributo

Guide e CONTENUTI EXTRA

Guide, risorse e approfondimenti bibliografici originali legati agli eventi prodotti dal Marina Cafè Noir. 

Percorsi di lettura costruiti per chi vuole approfondire i temi che, ogni anno, ruotano attorno agli eventi e agli ospiti legati al Festival

SPONSOR & PARTNER

Come ogni anno il Marina Cafè Noir ringrazia coloro che rendono possibile e supportano l’idea del festival, popolare e totalmente gratuito per vocazione. Partner istituzionali, privati e una fitta rete di collaborazioni sono la base per un progetto che nasce in città e per la città

NEWS