Marina Café Noir | edizione 2014
273
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-273,ajax_fade,page_not_loaded,,transparent_content,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

edizione 2014

Non tutto è in vendita

10 / 14 settembre
Cagliari

Pensare richiede libertà. E per chi, da anni, ci prova e ci riprova a pensare e far pensare, beh, i diktat e le forzature della politica economica non sono buoni alleati. É per questo che sentiamo forte l’esigenza di parlare (e sopratutto di far parlare, in primis i nostri ospiti) a partire dal concetto che “non tutto è in vendita”. Non sono in vendita la libertà, i sorrisi, le piazze, le buone letture, i rapporti umani, la leggerezza, la gioia, il confronto. E non lo sono neanche le stagioni. É per questo che un Festival popolare e gratuito, a vocazione stradaiola e di piazza come il nostro, in cui il clima mediterraneo e i colori della città diventano protagonisti tanto quanto i libri e le storie, ha deciso con coraggio di tornare a settembre, il periodo storico del Marina Cafè Noir e quello a noi più congeniale.
Già, perché se ci si arrende alle logiche del mercato, per quelle che sono le tempistiche e le dinamiche dei finanziamenti pubblici che rendono possibile lo svolgimento dei Festival, allora tutte le manifestazioni utili a non farsi lavare il cervello finiranno concentrate solo nell’ultima parte dell’anno, dove magari le buone idee rischiano di essere intirizzite dal freddo. Non tutto è in vendita, allora, perché quando domina il denaro come logica, cessa la libertà di pensiero. Non si tratta di fare una denuncia moralista, ma di comprendere quanto tale logica ci sia entrata dentro.
Per questo, per esempio, crediamo che la cultura non debba essere venduta ma offerta: regalata cioè a più persone e più fruitori possibili, per far sì che un nuovo pensiero critico possa rinnovarsi ed aiutare questo mondo a diventare via via un pochino migliore.
Siamo stanchi dell’essere vittime del “moltiplicatore economico”: premesso che diversi studi dimostrano che per ogni euro investito in cultura ci sia un ritorno economico sul territorio pari a 5/6 volte tanto, siamo decisi sostenitori del fatto che, anche qualora certi tipi di eventi non portassero nessuna economia monetaria di rientro, sarebbero comunque occasioni preziose e fondamentali per le comunità che le ospitano. Per questo vorremo discutere di un’economia delle relazioni, della cura e del bene comune; vorremo ristabilire la supremazia dell’essere sull’avere: dimostrare che la vera ricchezza di una persona non è data dalle proprietà, dai conti in banca o dai beni di lusso che possiede (e quindi dalla sua possibilità di vendere/comprare), ma dalla dignità, dagli affetti, dalle relazioni umane, dall’originalità del proprio essere. Per noi un bene lo si ha effettivamente solo se “lo si è”; abbiamo in realtà solo ciò che siamo diventati in positivo: i tratti di intelligenza, di gentilezza, di passione, di solidarietà, e tutto quel patrimonio intangibile che compone la nostra dignità di persone, senza che sia una proprietà acquistabile e vendibile. Dopo dodici anni, il Chourmo e il Marina Cafè Noir sentono forte più di tutto il desiderio di fare i conti con il presente, con ciò che di buono abbiamo e ci rimane, e che crediamo sia da difendere con le unghie e con i denti. Ma è e vuole essere ancora uno sguardo al positivo, quello che vogliamo dare, consapevoli di quanto sia complesso e contraddittorio vivere questa contemporaneità fatta di crisi senza conclusioni, utopie al collasso e sottili confini. Ed in uno spazio di confine, appunto, per via dei suoi molteplici significati, che vorremo lavorare e incontrarci: in quel giardino sotto le mura che fa da spartiacque alla città vecchia, finalmente restituito alla città nuova, crocevia di quartieri che formano il cuore pulsante della città che sarà. Nuovi spazi e vecchie idee. Idee eretiche. Da portare avanti con grinta, conservando la nostra vocazione di sempre: quella di un gruppo di operatori culturali che non smette di cercare un senso nel proprio fare collettivo, alla ricerca di una felicità diffusa e condivisa. E molte di queste cose, fidatevi, non sono in vendita.

PROGRAMMA

mercoledì 10

ore 18 – Piazza Savoia
Apertura Festival e inaugurazione mostra
“SACROSANTE RISATE”
A cura di U.A.A.R.
Incontro con Sergio Staino. Presenta Bepi Vigna

giovedì 11

ore 18 – Giardino sotto le mura
TRA SPRECO E Sostenibilità
Incontro con Massimo Cirri. Presenta Gianni Zanata

ore 19 – Giardino sotto le mura
BLUES DI BANLIEUe – UOMINI IN RIVOLTA
Incontro con Nan Aurousseau.
Presenta Serge Quadruppani.
Reading con Dario Cosseddu e Nicola Adamo

ore 20 – Terrapieno
AI FIGLI DELLE OFFICINE
Incontro con Alberto Prunetti. Presenta Chicco Fresu.
Reading di Charme de Caroline e Felice Montervino

ore 21 – Giardino sotto le mura
SENZA PREZZO – CANZONI FUORI CORSO
Concerto di Alessio Lega con Guido Baldoni

ore 22 – Giardino sotto le mura
LA NOTTE CHE ARRIVÒ L’INVERNO
Concerto/Reading/Live Painting con Musica ex Machina, Checco Frongia e Eleonora Pacciani

ore 23 – Terrapieno
MALOFRANCO – OMAGGIO AL TANGO E A FRANCO GAUDIANO
Reading/Concerto/Milonga con MaloTango e BuenosArk

venerdì 12

ore 18 – Giardino sotto le mura
E PER CHI RESTA, ARRIVEDERCI
Incontro con Loriano e Sabina Macchiavelli.
Reading di Michela Atzeni

ore 19 – Giardino sotto le mura
CONSUMO E CRITICO – LA STORIA DI ADDIOPIZZO
Incontro con Nino Vaccaro e Pico Di Trapani.
Presenta Maria Francesca Chiappe.
In collaborazione con Agenzia Kalama e Arkadia Editore

ore 20 – Terrapieno
IL SANGUE INTORNO AL CUORE
Incontro con Sarah Menefee.
Presenta Leonardo Onida.
Reading con Lia Careddu.
In collaborazione con Ottobre in Poesia, Biblioteca Gramsciana Onlus e Teatro di Sardegna

ore 21 – Giardino sotto le mura
BENVENUTI NEL BUIO
Reading/Concerto con Alan D. Altieri, Vincent Spasaro e Brigata Stirner

ore 22 – Giardino sotto le mura
blues, niente in vendita tranne l’anima
Reading/Concerto con Fabrizio Poggi e Enrico Polverari

ore 23 – Terrapieno
SARTI ANTONIO: buon compleanno SBIRRo
Reading/Concerto dai libri di Loriano Macchiavelli.
Con Dancefloor Stompers e Giuseppe Boy

ore 24 – Caffè degli Spiriti, Bastione S.Remy
After show – music cafè noir
A cura di Zimbra

sabato 13

ore 11 – Hostel Marina, scale San Sepolcro 2
SOCRATES, UNO DI NOI
Film di Mimmo Calopresti.
Incontro col regista e Marco Mathieu.
Presenta Daniele Maggioni.
In collaborazione con MOVIEMENTU

ore 18 – Giardino sotto le mura
la fame o l’amore
Incontro con Maurizio De Giovanni.
Presentano Francesco Abate, Antonio Bachis e Mauro Pusceddu (ex Elias Mandreu)

ore 19 – Giardino sotto le mura
TERRA BRUCIATA
Incontro con Sandro Ruotolo e i rappresentanti del Valsusa Filmfest.
Presenta Matteo Sau.
In collaborazione con la Rete del Caffè Sospeso

ore 20 – Terrapieno
L’ANGELO, LA STORIA, LE BATTAGLIE
Incontro con Bruno Arpaia. Presenta Carlo Birocchi.
Reading con Francesca Pani e Maurizio Pretta

ore 21 – Giardino sotto le mura
CALCIATORI, O RIVOLUZIONARI
Incontro con Marco Mathieu e Mimmo Calopresti.
Presenta Nicola Muscas

ore 22 – Giardino sotto le mura
PIÙ ALTO DEL MARE
Reading/Concerto dal libro di Francesca Melandri.
Con Lilies on Mars e Cristina Racca

ore 23 – Terrapieno
l’ultimo pezzo della vita
Reading/Concerto dai libri di M. De Giovanni.
Con L’Armeria dei Briganti e Elio Turno Arthemalle. In collaborazione con Teatro Impossibile

ore 24 – Caffè degli Spiriti, Bastione S.Remy
After show – music cafè noir
A cura di Zimbra

domenica 14

ore 10 – Terrapieno
Piazza della Solidarietà

ore 11 – Terrapieno
UNA STORIA PARTIGIANA
Incontro con Luciana Castellina.
Presenta Paolo Frau

ore 18 – Giardino sotto le mura
NEI CUNICOLI DELLE RIVOLUZIONI
Incontro con i Wu Ming. Presenta Paolo Piras

ore 19 – Giardino sotto le mura
felici così non lo saremo mai più
Incontro con Stephan Enter.
Presenta Michela Murgia. Reading di Massimo Moi. In collaborazione con Iperborea

ore 20 – Terrapieno
CORPI RINCHIUSI
Incontro con Rosella Postorino e Francesca Melandri.
Presentano Francesco Abate e Manuela Arca

ore 21 – Giardino sotto le mura
GUARDATI DALLA MIA FAME
Reading dal libro di Milena Agus e Luciana Castellina.
Con Camilla Soru, Maria Teresa Sabato e Sara Scalabrelli

ore 22 – Giardino sotto le mura
L’ARMATA DEI SONNAMBULI
Reading/Concerto dal libro di Wu Ming.
Con Giacomo Casti, Arrogalla, Giacomo Salis e Giorgia Mascia

ore 23 – Terrapieno
fiesta final – prima viene la pecora, poi il pane
Concerto/Performance di Teatro Cucina dal racconto di Michela Murgia. Con Kenzedomu Ent., Stefano Lai e Ratapignata

mostre

sacrosante risate
a cura di Mirko Melis.
In collaborazione con U.A.A.R.
Cafè Savoia, via Savoia 14

chourmo – Impronte
a cura di Alec Cani.
Itinerante nei luoghi del Festival

chourmo – tracce
a cura di Alec Cani e Rosi Giua.
MEM (Mediateca del Mediterraneo)
Via Mameli 164

percorsi librari (Installazioni e allestimenti)
A cura di Rossana Corti.
MEM (Mediateca del Mediterraneo)
Via Mameli 164

Gallery