Marina Café Noir | edizione 2018
276
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-276,ajax_fade,page_not_loaded,,transparent_content,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

edizione 2018

A sud di nessun nord

febbraio / giugno
Cagliari

Nel 2003, quando abbiamo iniziato, Cagliari era una città diversa. Non c’erano Festival letterari, i quartieri storici non erano propulsori di movida né pullulavano di attività culturali, il millennio si apriva con spettri diversi rispetto a quelli che un po’ tutti vediamo ora aleggiare intorno. Quindici anni sono un’era geologica, nel senso delle trasformazioni anche minime, anche solo legate a una comunità (o a una miscela di comunità, come è Cagliari e come sono tutte le città) come quelle che ci è capitato di vivere. È per questo soprattutto che, archiviato un primo importante pezzo di vita, il Chourmo e il Marina Cafè Noir provano a capire quale possa essere il loro ruolo oggi nella città e nell’isola che da sempre li ospita.

Senza voler abusare di metafore un po’ logore, non c’è dubbio che per un gruppo di uomini e donne del Mediterraneo quale siamo l’idea di “andare a Sud” sia connaturata al rientrare a casa, ricercare le proprie origini, pensare e ripensare il senso del viaggio, ovvero del proprio operare. Il Sud a cui sentiamo di appartenere, oltre che geografico, è metaforico, in senso sociale e politico, ed è il posto dove ci sembra sia ancora possibile immaginare e realizzare convivenze, in un tempo che nega questa possibilità ai più. Per paradosso, sembra annichilita anche la possibilità del Nord, in un mondo dove i confini si scontornano, le distinzioni si fanno sottili e impalpabili, la direzione certa sempre più insicura.

Così, siamo a Sud di nessun Nord. Certo, A Sud di nessun Nord è una citazione, dal titolo di una raccolta di racconti di Bukowski, ma più che come omaggio al grande americano, la frase va intesa come la possibilità (o l’impossibilità) geografica, sociale, esistenziale che ci sembra caratterizzi il nostro tempo, in positivo e in negativo.

Sì, perché essere a Sud, essere del Sud può significare tutto e niente; è un temperamento, è un modo di vita, è un luogo del mondo spesso inteso come “serie B”, ed è anche sinonimo di povertà e arretratezza (in Italia in special modo). Eppure, siamo parte fortunata, di questo Sud, ne siamo consapevoli, ed è di questa fortuna che vorremmo quante più persone possibile potessero beneficiare. Anche per questo l’edizione di quest’anno proverà a muoversi su territori nuovi, aprendo collaborazioni nuove, a iniziare da quella con gli amici di Iperborea e del Festival “I Boreali”, nuove reti e nuovi ponti. Ripensando anche il periodo storico del Festival, e spostandolo di nuovo, come alcune delle prime pionieristiche edizioni, a giugno. Guardando a Sud, sempre; e anche a Nord, visto che, l’avrete capito, la bussola che ci guida segna direzioni etiche, più che posizioni geografiche. Vi aspettiamo.

PROGRAMMA

Martedì 19 mcn/cagliaripaesaggio

h. 21 – Chiostro di San Domenico
Torpedone Trapiantati
Presentazione e reading/concerto dal nuovo libro di Francesco Abate. Con Giacomo Casti, Matteo Sau e Marco Noce

Mercoledì 20 mcn/i Boreali off

h. 18 – Piazza San Domenico
I Boreali al Marina Cafè Noir
Presentazione de “I Boreali off” con Chourmo e Pietro Biancardi

h. 18.15 – Piazza San Domenico
The passenger: Islanda
Incontro con Pietro Biancardi e Cristina Gerosa
Presenta Marco Cassini

h. 19 – Piazza San Domenico
A Nord delle storie
Incontro con Jan Brokken. Presenta Francesca Fradelloni

h. 20 – Piazza San Domenico
La rappresentazione del mondo
Incontro con Fredrik Sjöberg. Presenta Nicola Muscas

h. 21 – Piazza Garibaldi
Anime Baltiche – Ejzenstejn contro Ejzenstejn
Reading/Concerto con Emilia Agnesa e Stefano Guzzetti Ensemble. Dal libro di J. Brokken

h. 22 – Piazza Garibaldi
L’arte della fuga
Reading/Concerto con Daniel Dwerryhouse, Arrogalla e Mauro Palmas. Dal libro di F. Sjöberg

h. 23 – Piazza Garibaldi
La politica dell’impossibile – Omaggio a Stig Dagerman
Reading di Camilla Soru

h. 23.15 – Piazza Garibaldi
African Inspirations
Concerto con Gavino Murgia/Majid Bekkas/Hamid Drake

Giovedì 21 mcn/i Boreali off

h. 18 – Piazza Garibaldi (Boreali Kids)
Aquiloni Dream – Omaggio a Ulf Stark
Con i bambini e i ragazzi dei laboratori dell’Ass. Bel & Zebù e quelli di costruzione di aquiloni a cura di Alessia Marrocu e dell’Associazione Peter Pan

h. 18.30 – Piazza Garibaldi (Boreali Kids)
I Mumin, i bimbi e i nonni nel mondo di Tove Jansson e Ulf Stark
Con Tiziana Martucci, Pietro Olla, Luca Gasole e Dimitri Porcu

h. 19 – Piazza San Domenico
1947 – Dove comincia il presente
Incontro con Elisabeth Asbrink. Presenta Celestino Tabasso

h. 20 – Piazza San Domenico
I fatti diventano storie
Incontro con Frank Westerman. Presenta Andrea Staid

h. 21 – Piazza Garibaldi
Il tempo e le parole
Reading/Concerto con Lia Careddu e Stefania Secci, Fabrizio Lai e Simone Soro. Dai libri di F. Westerman e E. Asbrink

h. 22 – Piazza Garibaldi
Il perché della lepre – Omaggio a Arto Paasilinna
Reading di Stefano Raccis

h. 22.15 – Piazza Garibaldi
20 anni suonati!
Concerto dei Ratapignata and friends

Venerdì 22 mcn

h. 18 – Piazza Garibaldi (MCN Kids)
A tua insaputa
Spettacolo della Ditta Vigliacci

h. 19 – Piazza San Domenico
Lavoro, sfruttamento e Working Class Heroes
Incontro con Marta Fana e Alberto Prunetti
Presenta Maddalena Brunetti

h. 20 – Piazza San Domenico
Tecnologie del dominio
Incontro con il Collettivo Ippolita. Presenta Giulio De Petra

h. 21 – Piazza Garibaldi
Il futuro, dietro l’angolo
Incontro con Megan Mayhew Bergman. Presenta Enrico Pau

h. 22 – Piazza Garibaldi
Paradisi minori
Reading/Concerto con Astrid Meloni e Dancefloor Stompers. Dal libro di M. M. Bergman

h. 23 – Piazza Garibaldi
Career Opportunities
Reading/Concerto con Angelo Trofa, Alberto Sanna e Dj Palitrottu. Dai libri di A. Prunetti e M. Fana

Sabato 23 mcn

h. 18 – Piazza Garibaldi (MCN Kids)
Filastrocche’n’Roll
Spettacolo di Gianfranco Liori e Renzo Cugis

h. 19 – Piazza San Domenico
Il mondo in bianco e nero
Incontro con José Muñoz. Presenta Marco Cassini

h. 20 – Piazza San Domenico
Le retoriche del potere
Incontro con Andrea Staid, Giuliano Santoro e Carmen Pisanello

h. 21 – Piazza Garibaldi
Cuore di seta
Incontro con Shi Yang Shi. Presenta Francesca Mulas

h. 22 – Piazza Garibaldi
El persecutor – Omaggio a Charlie Bird Parker e Julio CortÁzar
Reading/Concerto con Felice Montervino e Roundella
Dal libro di J. Cortázar

h. 23 – Piazza Garibaldi
Fragole e sangue – Omaggio al ‘68
Reading con Antonello Fogheri e Dimitri Porcu

h. 23.15 – Piazza Garibaldi
Fiesta Final!
Concerto con gli Acquaragia Drom e performance di
teatro-cucina con Kenzedomu Entertainment
Accozzo ecologico!!! Chi porta piatto e posate proprie salta la fila per l’assaggio della cucinata finale


Mostre

Pampa, Tango y Jazz – illustrazioni di José Muñoz
Dal 20 al 30 giugno
Bar Florio, via S. Domenico 90 – Caffè Savoia, via Savoia 14

Quelli del Mare Intorno – di Alec Cani
Selezione di scatti del fotografo ufficiale del Festival Marina Cafè Noir. Dal 14 al 29 giugno
MEM- Mediateca del Mediterraneo, via Mameli 164

Guide

Dal 14 al 29 giugno. A cura dell’Ass. Tusitala
MEM- Mediateca del Mediterraneo, via Mameli 164

  • Letture nordiche – Guida alle letture boreali
  • A sud di nessun nord: Guida ed expo libraria – leggere il festival

In Carcere

Senza volpi, né boschi.
Omaggio dei detenuti ad Arto Paasilinna
14 giugno, h. 15 – Casa Circondariale Uta

Gallery