home page - Marina Cafè Noir, Festival di letterature applicate - Cagliari
Il festival - Marina Cafè Noir, Festival di letterature applicate - Cagliari
Passate edizioni - Marina Cafè Noir, Festival di letterature applicate - Cagliari
Gli ospiti - Marina Cafè Noir, Festival di letterature applicate - Cagliari
archivio immagini - Marina Cafè Noir, Festival di letterature applicate - Cagliari
Iscriviti allla newsletter - Marina Cafè Noir, Festival di letterature applicate - Cagliari
contatti - Marina Cafè Noir, Festival di letterature applicate - Cagliari

sardo  inglese  francese  spagnolo

 

<< indietro

Signora Libertà - XIII edizione
Data: 02/09/2015

   scarica il programma

 

Marina Cafè Noir 2015 - Festival di Letterature Applicate
XIII edizione
SIGNORA LIBERTA'
2-6 settembre 2015 - Cagliari
Marina | Castello| Villanova
XIII edizione per il festival cagliaritano.



SCARICA IL PROGRAMMA DEL FESTIVAL (solo testo)
SCARICA IL LIBRETTO
 

Zerocalcare, Ren Fregni, Silvano Agosti, Caryl Ferey, Giancarlo De Cataldo, Andrea Staid, Wolf Bukowski, Gellert Tamas, Serge Quadruppani tra gli ospiti

"Signora Libertà ... " cantava Fabrizio De Andr nel brano 'Se ti tagliassero a pezzetti'.
Alle infinite suggestioni della Libertà, al suo ruolo, al suo fascino  dedicato Marina Cafè Noir, festival di letterature applicate, in programma a Cagliari nella sua tredicesima edizione tra 3 e 6 settembre 2015.


Il Festival  Incontri, presentazioni, reading e spettacoli originali, concerti, mostre e laboratori animeranno la nuova edizione del Festival, messo in piedi sin dal 2003 dall'associazione culturale Chourmo. Quattro giorni di appuntamenti totalmente gratuiti, tra gioved 3 e domenica 6 settembre, con scrittori, artisti, musicisti, attori, performer, fotografi e cittadini di ogni dove con progetti inediti e diversi linguaggi artistici. Protagonista, appunto, la Libertà, declinata nei temi da sempre cari al Festival: le migrazioni, il Mediterraneo con i suoi drammi e i suoi racconti, il lavoro e l'economia, la situazione delle carceri e le ingiustizie sociali.
Focus sull'alimentazione e in particolare sul business ad essa legato, sulla produzione, istribuzione e spreco del cibo: non per caso, dato che questa edizione di MCN cade nell'anno dell'Expo che ha per tema 'Nutrire il pianeta'.

Gli ospiti: Zerocalcare, Giancarlo De Cataldo, Ren Fregni, Silvano Agosti, Beppe Costa, Leonardo Omar Onida, Caryl Ferey, Andrea Staid, Wolf Bukowski, Pietro Grossi, Marco Philopat, Gellert Tamas gli autori che hanno finora confermato la loro presenza. Non mancheranno gli omaggi ad autori amatissimi come Sergio Atzeni, Luigi Pintor, Pier Paolo Pasolini e Jean-Claude Izzo.
I luoghi - Dopo l'esperimento di pedonalizzazione dello spazio tra Castello e Villanova, messo in atto nell'edizione 2014 di MCN, il Festival sar riproposto nel Chourmo Village allestito tra il Giardino Sotto le Mura e il Terrapieno: uno spazio di confine tra i quartieri Marina, Castello e Villanova di cui i cagliaritani si sono di recente riappropriati.
L'anteprima - l'edizione numero tredici di Marina Caf Noir sar anticipata da un'anteprima: "L'isola di Antonio - Gramsci, la Sardegna e la memoria, reading/concerto in omaggio a Gramsci con Giacomo Casti, Francesco Medda Arrogalla e Massimo Loriga: appuntamento venerd 29 maggio alle 21 al Piccolo Auditorium di piazza Dettori a Cagliari. Lo spettacolo  realizzato dall'associazione Chourmo in collaborazione con Asmed.

----------------------

SIGNORA LIBERTA'
Signora Libertà è il titolo del Marina Cafè Noir – Festival di Letterature Applicate 2015, giunto alla sua tredicesima edizione.
La suggestione del titolo proviene dal verso di una canzone di De Andrè, “Se ti tagliassero a pezzetti”, inclusa nell’album “L’indiano” - l’album più 'sardo' dell’autore genovese -, uno dei brani in cui la poetica del grande cantautore ha raggiunto i livelli più alti. La canzone si sviluppa come una grande metafora allegorica, attraverso la quale De Andrè paragona la donna amata proprio alla libertà e alla fantasia (concetti intercambiabili, dal suo punto di vista: non a caso, durante i concerti si divertiva a inserire nel testo la parola 'anarchia' al posto di 'fantasia'). Quella fantasia che è ingrediente imprescindibile di ogni buon libro, di ogni possibile storia, di ogni vita degna d’essere vissuta.
Signora Libertà diventa così il titolo del nuovo MCN, titolo che permette di restituire alla parola libertà – declinata specialmente al femminile - quel ruolo maestro, quella purezza e quel fascino che è doveroso riconoscerle, e consente di provare a emanciparla dall'uso improprio che la lega a impropri discorsi, moti e bandiere di partititi politici, e che dal giornalismo sensazionalistico – nella sua accezione anarchica - è considerata spesso sinonimo di disordine e distruzione.
È di questo che da sempre, ora più che mai, sentiamo l'esigenza di parlare, col nostro pubblico e coi nostri ospiti, con la 'libera repubblica' dei lettori e con la nostra città, con la nostra isola e con la nostra comunità allargata (più ancora che italiana ed europea, soprattutto mediterranea e meticcia). Di libertà. Nonostante i tentativi di liberticidio perpetrati da una società sempre più massificata, nonostante l'appiattimento di gran parte dell'offerta culturale attuale (che dovrebbe smuovere le coscienze in direzione ostinata e contraria, ma che invece tende a omologarsi sempre più), siamo certi che molte menti e molte storie possano ancora offrire spunti di riflessione e appigli solidi a cui aggrapparsi, per resistere e inseguire una collettiva e 'esagerata' idea di libertà. 
Proveremo a declinarlo in tanti modi, questo bisogno di libertà, e lo faremo affrontando anche quest'anno temi a noi cari come le migrazioni, il Mediterraneo, il lavoro e le nuove economie, la situazione delle carceri. Parleremo di cinema e letteratura, di luoghi e modi di produrre cultura indipendente e underground, di sperimentazioni di nuove forme di socialità, di partecipazione e divulgazione dei saperi, di criminalità (nel suo rapporto con la letteratura nera, che sempre più spesso anticipa la realtà); dei meccanismi del business intorno al cibo e delle loro vetrine, in primis l'Expo e i circuiti legati alla grande distribuzione, del rapporto produzione/distribuzione/spreco alimentare e del suo reale valore nutrizionale, curiosamente in antitesi, ad esempio, con lo storico mito medievale della Cuccagna (che riproporremo in una mostra), per un mondo in cui - ci auspichiamo - il benessere, l'abbondanza e il piacere siano a portata di tutti.
“Signora Libertà, Signorina Utopia”, così cantava De Andrè. L'utopia è là, come l'orizzonte, così diceva il compianto Eduardo Galeano, che aggiungeva, quando gli si chiedeva a cosa servisse l'utopia - che si sposta se gli vai incontro - che serve proprio a questo: a camminare. E noi, di camminare, cercheremo di non smettere mai. In piena libertà.

---------------------------


SCARICA LA GUIDA AI PERCORSI INTEGRATI 2015

SPONSOR & PARTNER 2015

  

Sponsor e Partner 2016

news e aggiornamenti

• 21/02/2018
Marina Cafè Noir - Accademia Popolare

• 04/02/2018
MCN 2018 - Maschere di carta - Fuochi e Simboli della Sardegna Carnascialesca

• 30/01/2018
Marina Cafè Noir 2018, A sud di Nessun Nord - comunicato stampa

• 04/10/2017
Le ultime estati

• 27/09/2017
Giornata Nazionale delle Biblioteche - BiblioPride

Guide bibliografiche

Percorsi e risorse

Ospitalità in città

@MarinaCafeNoir

 

Cookie Policy
Associazione Culturale Chourmo | info@marinacafenoir.it

francescoadamo.it - 2011