home page - Marina Cafè Noir, Festival di letterature applicate - Cagliari
Il festival - Marina Cafè Noir, Festival di letterature applicate - Cagliari
Passate edizioni - Marina Cafè Noir, Festival di letterature applicate - Cagliari
Gli ospiti - Marina Cafè Noir, Festival di letterature applicate - Cagliari
archivio immagini - Marina Cafè Noir, Festival di letterature applicate - Cagliari
Iscriviti allla newsletter - Marina Cafè Noir, Festival di letterature applicate - Cagliari
contatti - Marina Cafè Noir, Festival di letterature applicate - Cagliari

sardo  inglese  francese  spagnolo

 

Difficile trovare argomenti di riflessione  che non siano banali e ripetuti/ripetitivi  sugli e-book e la loro diffusione. Dopo  anni e anni di proclami sulla fine del libro cartaceo, i numeri in discesa della loro diffusione in USA hanno alimentato solo il dibattito sul fatto che i rilevamenti , spesso contrastanti, si basino  sui numeri di vendita (quanti singoli e-book) o sul venduto (quanto incassato). Pur tifosi del cartaceo e delle librerie indipendenti che rimangono ancora un ibrido tra attività commerciale e luoghi di cultura socializzante, non abbiamo nulla contro gli e-book ma non entriamo nel merito di un dibattito inutile sull’importanza e il futuro del libro digitale. Ben altra attenzione al problema se lo pongono gli scrittori  di certi paesi in cui la censura e il controllo sui contenuti dei libri è così assoluta che spesso  la produzione di e-book costituisce una possibilità di sfuggire alle sue maglie. In chiusura della Fiera Internazionale del libro di Teheran (uno degli avvenimenti culturali più significativi al mondo con quasi cinque milioni di frequentatori, cioè quasi 17 volte di più dei celebrati Saloni di Torino e Francoforte coi loro trecentomila visitatori),i più attenti osservatori internazionali hanno messo in relazione l’apertura culturale delle autorità (“Il libro e non la spada sono il simbolo del nostro popolo”) con l’attivismo editoriale digitale e il fenomeno crescente del self publishing.
 
Dal nostro punto di vista  ci limiteremo a indicare ed aggiornare le segnalazioni di quei siti e di quelle opportunità che permettono di scaricare liberamente contenuti e libri, spesso recuperando testi introvabili e utili per allargare la conoscenza e la consapevolezza  sociale.

Sono centinaia i testi, i libri scaricabili  su Sardegna Digital Library http://www.sardegnadigitallibrary.it/pubblicazioni/

Un catalogo ricco e in continuo aggiornamento che comprende anche video , filmati,registrazioni e preziosissime rarità

Catalogo altrettanto vasto , in continuo aggiornamento e sorprendente per i testi recuperati è quello che si trova sul sito  https://libridibordo.wordpress.com/

Per chi vuole conoscere e approfondire  i temi della giustizia, del controllo sociale, del la carcerazione fondamentale è il sito della  bellissima rivista Ristretti Orizzonti  redatta da un gruppo di detenuti di Padova http://www.ristretti.it/  dove ci si può abbonare anche gratuitamente al notiziario quotidiano e accedere  agli arretrati della rivista e recuperare decine di testi, libri, romanzi "classici" su giustizia e carcere

Dalla fine del 2013 è possibile usufruire  del prestito digitale presso la MEM Mediateca del Mediterraneo, la Biblioteca di Pirri e le altre collegate in collaborazione con la biblioteca Provinciale con l’accesso gratuito a Media Library on Line (MLOL).  E’ possibile prendere in prestito e-book, consultare banche dati, leggere quotidiani ecc  http://www.sardegnabiblioteche.it/index.php?xsl=803&s=242907&v=2&c=5703

Sponsor e Partner 2016

news e aggiornamenti

• 25/05/2017
RadioChourmo alla libreria Fozzi Mondadori di via Farina 16 a Cagliari

• 21/05/2017
Salone del Libro di Torino, spazio SuperFestival

• 19/04/2017
Migranti e richiedenti asilo: Erranza/Speranza

• 26/03/2017
Gaetano Mura Solo

• 07/03/2017
Gaetano Mura Solo

Guide bibliografiche

Percorsi e risorse

Ospitalità in città

@MarinaCafeNoir

 

Cookie Policy
Associazione Culturale Chourmo | info@marinacafenoir.it

francescoadamo.it - 2011